Il 19 settembre scorso non è stata affatto una bella giornata

Al lavoro non ho fatto in tempo ad arrivare che subito ho avuto uno scontro piuttosto acceso con una collega arrogante e maleducata ed anche se ho cercato di farmela scivolare addosso ormai la giornata era avvelenata ed oltrettutto ha piovuto ininterrottamente tutto il giorno!

Ed infine, se non fosse morta di tumore ai polmoni all’età di 47 anni, mia zia, la zia che per me è stata mia madre nei primi tre, quattro anni di vita, il 19 settembre avrebbe festeggiato il compleanno… 

Sono rientrata a casa tardi, sfinita. Mia figlia non c’era ancora e ho tirato un sospiro di sollievo perchè avrei avuto il tempo di rilassarmi un pò prima di rimettermi al lavoro.

Mentre entro in cucina, sul lavello vedo posata a sgocciolare la ciotola che di solito usiamo per fare i dolci, vicino vedo anche le formine per i biscotti e penso: Ire ha fatto i biscottti, ma quando se stamattina quando l’ho salutata per andare al lavoro sembrava che dovesse uscire anche lei dopo poco.

E per chi li ha fatti?

Mi giro e vedo al centro della tavola un sacchetto trasparente con un fiocco rosso e una piccola pinza di legno con un minuscolo cuore di pannolenci rosso, pieno di piccoli cuori, farfalle e stelle e rombi di biscotti.

Sul biglietto “Per mamma” 

“Per quando al lavoro vuoi qualcosa di dolce”   

Nello stesso istante in cui ho letto il biglietto quella giornata, tutta da dimenticare, è sparita.

Si è dissolta grazie a questo piccolo grande regalo.

Un dono diverso da tutti i regali ricevuti da Irene bambina

Perchè quando si è bambini la mamma è al centro del nostro mondo ed è quindi spontaneo ricoprirla di attenzioni e farle piccoli regali fatti da noi.

Ma il regalo di una figlia adulta è un regalo pensato, pieno di significato perchè è stato fatto espressamente a te e non per adempiere ad una scontata ricorrenza

E il cuore si riempie di gioia e sorridi e ti senti leggera come una farfalla e vorresti che fosse già  a casa per stringerla forte tra le braccia e dirle di quanto l’ami!  

 http://youtu.be/vLeyEEoXTJk