Ex UAGDC

Ricetta per un articolo di giornale che narra di aggressioni e violenze da parte di un uomo contro una donna.

Ingredienti, da mescolare con cura, se si vuol produrre una comunicazione scorretta:

1) Accennare alla bellezza della vittima

2) Utilizzare le parole: “raptus” e “gelosia”

3) Inserire nell’articolo una fotografia inadeguata.

Ecco il risultato.

A partire dal titolo, come possiamo notare, la ricetta è stata seguita alla perfezione:

È troppo bella: botte alla convivente ex miss
Una ragazza di venti anni è in fin di vita

Abbiamo molte altre volte segnalato come sia sbagliato e fuorviante accennare all’avvenenza della vittima, parlando di violenza di genere.

E’ sbagliato per tre motivi.

Primo perché potrebbe indurre a credere che, se la vittima fosse stata brutta, il fatto sarebbe stato meno grave.

Secondo perché in un certo senso quel rimarcare la bellezza porta a pensare che essere belle sia una colpa

View original post 290 altre parole

Advertisements