Ex UAGDC

Abbiamo diverse volte preso in esame la figura del padre, così come ce la raccontano i media: tra uomini-bambocci incapaci di cambiare un pannolino e padri che giocano solo con figli maschi, uomini che non sono capaci di pettinare le proprie bambine, e il denigrante neologismo “mammo”, la situazione non è rosea.

Sappiamo però che di padri veramente desiderosi di partecipare in modo attivo alla vita dei propri figli fin dall’origine ce ne sono sempre di più e sappiamo anche che, con una maggiore e reale partecipazione del padre alla cura e alla crescita dei figli, non solo migliorano i rapporti tra i figli e i loro papà, ma anche quelli tra la madre e il padre e anche la situazione femminile per quello che riguarda il lavoro.

Perché la famiglia si costruisce in due, perché i figli non sono solo di competenza della donna, perché una genitorialità davvero condivisa…

View original post 607 altre parole