Archive for febbraio, 2014


Triskel182

trattativa_interna

Ormai l’abbiamo capito: il processo sulla trattativa Stato-mafia non s’ha da fare. Per trovarne uno altrettanto osteggiato da politica, grande stampa, intellettuali e magistratura, tornare indietro al caso Andreotti non basta: bisogna riavvolgere il nastro fino a metà anni 80, al maxiprocesso contro la Cupola istruito dal pool di Falcone e Borsellino. La mafia, e dunque la politica, la stampa e l’intellighentija al seguito sapevano bene dove potevano arrivare quei magistrati, a lasciarli fare. Così come oggi Riina, e dunque la politica, la stampa e l’intellighentija al seguito sanno benissimo dove potrebbero arrivare i pm di Palermo, a lasciarli fare.

View original post 550 altre parole

Annunci

Triskel182

Renzi-Grillo

Adesso la disputa su chi ha vinto e chi ha perso lascia il tempo che trova, anche perché è molto interna al mondo dell’informazione e di quei giornalisti che a Montecitorio Grillo maltratta e che Renzi invece chiama per nome. Lo streaming tra il premier incaricato e il leader Cinquestelle non è un talk show da misurare con l’Auditel, ma la puntata spettacolare e rovente di una guerra dei mondi dove alla fine a sopravvivere sarà uno solo. Fin dal primo incontro con Bersani (e poi con Letta) fu chiaro che Grillo non avrebbe concesso un solo centimetro al Pd e che anzi avrebbe approfittato delle dirette web per manifestare totale repulsione verso un sistema “mar – cio”, irriformabile e destinato a sicura autodistruzione.

View original post 194 altre parole

Triskel182

Senato

Democratici e berlusconiani votano contro emendamento che avrebbe escluso dai nuovi sconti di pena i condannati per tangenti. Il senatore grillino Cappelletti: “Pochi giorni fa il richiamo dell’Ue, ma il Parlamento fa il contrario”. Il decreto passa con 147 sì e 95 no. Zanda: “Chi ha chiesto voto segreto si assuma responsabilità”. LA SCHEDA – Le nuove norme.

Pd e Forza Italia di nuovo a braccetto dicono no all’abolizione degli sconti di pena per i condannati per corruzione e concussione”. E’ la denuncia del Movimento cinque stelle dopo il voto al Senato che ha trasformato in legge il decreto cosiddetto “svuotacarceri”.

View original post 888 altre parole

L'alternativa nomade

Se vivessimo in un mondo coraggioso e onesto, tutti i Paesi presenti alle Olimpiadi di Sochi, in Russia, dovrebbero immediatamente ritirare le proprie squadre, o perlomeno sospendere la partecipazione alle gare dopo avere visto queste immagini. Le Pussy Riot stavano protestando pacificamente nei pressi di un ristorante della cittadina russa e sono state attaccate da una dozzina di cosacchi, che le hanno colpite a colpi di manganello. Le foto mostrano gli agenti della sicurezza mentre picchiano Nadezhda Tolokonnikova e altre componenti della band. Purtroppo, lo sappiamo, ci sono molti interessi in gioco, a partire da quelli degli sponsor, a cui si aggiungono i delicati equilibri internazionali, a loro volta condizionati dagli accordi commerciali ed economici. Dunque è molto probabile, quasi certo, che tutto procederà come se nulla fosse accaduto. E che la comunità internazionale, Italia compresa, anzi a volte in testa, proseguirà i suoi rapporti con la Russia, ignorando le…

View original post 63 altre parole

S P A C E P R E S S. I N F O

 Perché gli studenti italiani non trovano lavoro e quelli europei sì?

 Fonte e Link: http://www.forexinfo.it/Perche-gli-studenti-italiani-non?utm_source=Forexinfo+Forex+Trading+Online&utm_campaign=358625743d-forexinfo-daily-email&utm_medium=email&utm_term=0_4302bacf08-358625743d-302716845

Perché gli studenti italiani conseguono risultati analoghi o migliori nello studio rispetto ai colleghi europei, eppure trovano più difficoltà nel trovare lavoro? Cosa non funziona in Italia?

In questi ultimi anni in cui la crisi ha fatto salire vertiginosamente i tassi di disoccupazione, soprattutto giovanile, si è spesso riflettuto su un vero paradosso della modernità: la generazione di oggi è quella che ha studiato di più, quella più preparata, eppure le difficoltà da affrontare per entrare nel mondo del lavoro sono molteplici.

Regole troppo rigide e facilmente mutevoli, cuneo fiscale, il difficile passaggio dall’università al mondo del lavoro sono i motivi principali che sono stati individuati dall’Economist come cause della disoccupazione giovanile.

In Europa i Paesi in cui il dramma della disoccupazione giovanile è più sentito sono:

  • la Grecia e la…

View original post 720 altre parole

Maggioranza oppressa

femminile plurale

“I can’t take this feminist society anymore”

Come sarebbe se donne e uomini si vedessero scambiati i ruoli? Come sarebbe se un uomo dovesse affrontare il mondo come lo affrontano ogni giorno le donne? Per capirlo bastano i dieci minuti del corto Majorité Opprimée della regista Eléonore Pourriat  in cui viene rappresentata una società in cui sono le donne a essere a capo del sistema di dominio materiale e simbolico.

Vediamo quindi una giornata tipo di un uomo, di un padre di famiglia, che porta a scuola il figlio e affronta tutti “i pericoli” della città in cui vive:  ‘apprezzamenti’ sessuali non richiesti, commenti sessisti, un aggressione verbale che si trasforma in violenza e, con essa, il penoso percorso della denuncia a forze dell’ordine insensibili e le discussioni con la moglie, che sembra non comprendere la sofferenza, il dolore e il peso della violenza subita.

Lo scambio dei ruoli…

View original post 71 altre parole

D I S . A M B . I G U A N D O

Milena Gabanelli a Scienze della comunicazione

Con questa frase Milena Gabanelli, il 5 febbraio scorso, ha coinvolto gli studenti e le studentesse di Scienze della comunicazione a Bologna in un dialogo vivo e partecipato su ciò che conviene e non conviene fare quando si cerca lavoro nel settore della comunicazione: «Se posso esservi utile sull’aspetto pratico… perché io vedo che quando si cerca lavoro lo si fa in maniera maldestra. Mi piacerebbe darvi due dritte

View original post 180 altre parole

lafilosofiAmaschiA

maipiùclandestine

Non c’è cosa più bella di una voce che si leva vibrante e vivace, in favore della libera scelta. E che si fa quando le voci diventano tante? Ci si chiama per nome, ci si siede tutte attorno e guardandosi tutte negli occhi si cerca di nominare le cose. E la rabbia, e l’ingiustizia, soprattutto quando sono queste ad avere la meglio sui corpi delle donne.

Marciamo in un’epoca post-umana che sempre più ci spinge verso una condizione extra-corporea, dove quella cosa che è il nostro corpo, registra il suo totale annichilimento; con tutte le conseguenti derive. Siamo oltre l’oggettivazione, probabilmente nell’anticamera della de-umanizzazione.

Siamo al punto che una legge – la legge 194 che regola l’interruzione volontaria di gravidanza, in Italia – rischia di non essere più applicabile a causa dell’alta percentuale di obiettori presenti nelle strutture pubbliche, con percentuali che variano di poco su scala nazionale in base…

View original post 568 altre parole

Al di là del Buco

1233603_644560365562901_1091187219_n

Mi piacerebbe riassumere quello che sta succedendo in questi giorni. Rassegna stampa, sintesi rapida della discussione politica e riassunto delle lotte. Articolo del Corriere. Parla delle ragioni che avrebbero costretto l’attuale sindaco di Firenze ad accettare l’incarico di premier. Poraccio. Gli sono molto vicina. Davvero. Dall’articolo, tra le altre cose, si evincono due dettagli fondamentali. Il primo è che: “Un nuovo governo Letta con qualche ministro renziano, (…) avrebbe significato prolungare per un altro anno quella che lui definisce «la palude». «Sarebbe stata la fossa del Pd.” e il secondo: “Se in pochi mesi (…) non si taglia la burocrazia, non si semplificano le norme sul lavoro con il contratto unico (…).” Ovvero: Ci sono dei partiti che temono adesso di perdere in caso di nuove elezioni e poi c’è il piano economico da portare avanti. “Contratto unico” significa che non esisteranno più garanzie per…

View original post 1.202 altre parole

Al di là del Buco

559937_416902781710221_674611374_n

Nelle scuole danno lezioni di “legalità“. Legalità corrisponde anche al rispetto per le forze dell’ordine. Un carabiniere va in una scuola di un paese della bassa Val Susa a parlare di bullismo. Una bambina fa delle domande e chiede perché le forze dell’ordine in Val Susa non si comporterebbero in modo “legale“. Difficoltà, disagio, imbarazzo, applausi per la bimba. QUI la storia raccontata da SpintaDalBass. Repubblica Pro/Tav non ci sta e ci tiene a ripristinare l’ordine e la disciplina tra la popolazione NoTav che si è mostrata troppo entusiasta per la cosa. Dunque ridimensiona il fatto, lo inserisce in dinamiche infantilizzate, spoglia di consapevolezza la bambina, manca poco che nell’articolo non si dica che la bimba ha problemoni. Infine un paio di dichiarazioni dell’insegnante che dice che la bambina sarebbe stata “irruenta” e poi usa la parola “umiltà” da adoperarsi nei…

View original post 290 altre parole

Terra Santa Libera

Il folle progetto sionista si realizzerá con la pulizia etnica locale e la ricostruzione del tempio sul Monte Moriah

noisuXeroi

loading a new life ... please wait .. loading...

#OgniBambinaSonoIo

dalla parte delle bambine

unaeccezione

... avessi più tempo sbaglierei con più calma.

esorcista di farfalle

Se i tempi non chiedono la tua parte migliore inventa altri tempi. (Baolian, libro II, vv. 16-17)

lafilosofiAmaschiA

filosofia d'altro genere per la scuola

S P A C E P R E S S. I N F O

Il Blog libero da condizionamenti politici. Visitatori oltre: 357.200

donnemigranti

"dall’Africa ‘o Mediterraneo st’anema nun se ferma maje.."

non lo faccio più

un luogo dove raccontare di violenza, di relazioni, di paure e d'amore.

I tacchi a spillo

quello che sogno

femminile plurale

"Le persone istupidiscono all'ingrosso, e rinsaviscono al dettaglio" (W. Szymborska)

Al di là del Buco

Verso la fine della guerra fredda (e pure calda) tra i sessi

Michele (Caliban)

Perfidissimo Me

Abner Rossi Blog Ufficiale

Teatro, Poesia, Spettacoli

ACCENDI LA VITA

Pensieri, parole and every day life

uova di gatto

di libri, gatti e altre storie

BLOG.ANDREA LIBERATI

"compongo e rappresento storie" | INFORMAZIONI E POST

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: