femminile plurale

Ovvero: la dolce illusione borghese di porsi fuori della norma

Questo post nasce come risposta ad una mail in cui ci veniva presentato il libro Pornoterrorismo di Diana Pornoterrorista (qui)

John Currin, "The old fence" (1999) John Currin, “The old fence” (1999)

Ogni iniziativa che si propone di rendere “la sessualità e il corpo come territori da decolonizzare dalla repressione patriarcale, ecclesiastica e capitalistica” suscita in noi interesse.

Tuttavia le nostre perplessità sorgono nel momento in cui dalla problematizzazione iniziale, dalla posizione di alcune questioni che anche noi riteniamo urgenti, si passa poi al piano delle possibili soluzioni. Lo scritto di Diana Pornoterrorista si inscrive all’interno di quel filone che si autodefinisce come femminismo pro-sex. Di esso noi mettiamo in discussione non solo il presupposto fondante ma anche le conseguenze.

Il femminismo pro-sex si fonda sulla nozione superficiale e postmoderna secondo cui l’ uso consapevole del proprio corpo come merce/prodotto/oggetto di scambio sia espressione…

View original post 805 altre parole

Advertisements