La risposta dei centri antiviolenza emiliano romagnoli ai contenuti dell’intervista pubblicata dal quotidiano on line qelsi.