Triskel182

RodotàI sondaggi hanno lo scopo di ascoltare la società, percepirne le mutazioni. Ora che si è alla vigilia della elezione del nuovo capo dello Stato tutti i media chiedono un riscontro popolare, una validazione delle differenti personalità potenzialmente candidabili. Di nuovo compare in alto dell’indice di gradimento il nome di Stefano Rodotà. Non c’è alcun dubbio che la candidatura popolare abbia pochissime possibilità di trasformarsi in elezione. Tra l’altro il nostro sistema non lo prevede. Quel che è invece interessante è che questo nome, al pari di alcuni altri, registri oggi come due anni fa un consenso vasto, e che dunque non era una trappola posta ai piedi di Bersani, l’allora segretario del Pd. Godeva di una sentimento largo, solido al punto da manifestarsi massicciamente ancora oggi.

View original post 176 altre parole