Curdi. Un appello e una manifestazione. Il 15 alla frontiera per aprire un corridoio turco. Attivisti italiani e non solo portano aiuti

Kobane

© Giuliana Sgrena

Rachele Gonnelli

Edizione del 11.09.2015

Pubblicato 10.9.2015, 23:05

Fa rab­bia la foto del pic­colo Aylan in coper­tina della rivi­sta Dabiq, per illu­strare l’anatema dei jiha­di­sti nei con­fronti di tutti coloro che fug­gono dal nascente Stato isla­mico. Con l’intento oppo­sto, quello di aprire un cor­ri­doio uma­ni­ta­rio, par­tirà domani una caro­vana inter­na­zio­nale, con una folta dele­ga­zione ita­liana, alla volta delle zone kurde sul con­fine turco-siriano, la zona di Kobane, da dove Aylan e la sua fami­glia erano fug­giti per scam­pare all’assedio e all’Isis. Kobane, città-fantasma diven­tata il sim­bolo della resi­stenza kurda, dove il padre di Aylan, è appena tor­nato, non per ade­rire allo Stato isla­mico ma per combatterlo.

Kobane che ora deve essere rico­struita, per­ché è solo un cumulo di mace­rie e chi è rima­sto dei suoi 60mila abi­tanti, per lo più accam­pati nei paraggi e nei vil­laggi limi­trofi, manca di tutto: acqua, medi­ci­nali, cor­rente elet­trica. Per que­sto, tra i 70 ita­liani in par­tenza, inclusi i par­la­men­tari di Sel Gio­vanni Paglia e Franco Bordo, ci saranno anche quat­tro ope­rai spe­cia­liz­zati, elet­tri­ci­sti e acqua­dot­ti­sti dei Cobas.

Per dare una mano con­cre­ta­mente alla rico­stru­zione, come ha spie­gato ieri Vin­cenzo Migliucci nella con­fe­renza stampa di pre­sen­ta­zione della mis­sione alla Camera. «In realtà sono mesi che sta andando avanti una staf­fetta di soli­da­rietà, pic­coli pro­getti per ambu­la­tori tem­po­ra­nei e ser­vizi sco­la­stici, per aiu­tare la gestione dei campi pro­fu­ghi», spiega Ame­deo Ciac­cheri della rete ita­liana Rojava Calling.

Ora la caro­vana di atti­vi­sti ita­liani, ma anche belgi, fran­cesi, tede­schi e argen­tini, cer­cherà — tra il 12 e il 17 set­tem­bre — di por­tare aiuti di medi­ci­nali, mate­riali per l’edilizia e stru­men­ta­zione varia attra­ver­sando il con­fine turco, per cul­mi­nare in una mani­fe­sta­zione al «gate», cioè al posto di blocco sulla fron­tiera, mar­tedì 15 settembre.

La caro­vana, che fa seguito ad un appello inter­na­zio­nale con cen­ti­naia di firme di asso­cia­zioni, per­so­na­lità della cul­tura, movi­menti poli­tici e sin­da­cati, si pro­pone — spiega il diret­tore di Un Pon­te­Per, Dome­nico Chi­rico — «di aprire le porte della Tur­chia, la caro­vana deve ser­vire da apri­pi­sta per i governi euro­pei e l’Onu affin­ché sta­bi­li­scano un cor­ri­doio uma­ni­ta­rio per­ma­nente verso il con­fine siriano». «Per­ché — con­ti­nua — non pos­siamo guar­dare ciò che suc­cede in tv lag­giù e qua, con i migranti che arri­vano, senza fare nulla». La Tur­chia tiene chiusa la fron­tiera e per far pas­sare un camion di medi­cine le ong sono dovute pas­sare dall’Iraq, allun­gando la strada di 500 chi­lo­me­tri, con grande pericolo.

Attual­mente tutti e tre i can­toni de Rojava, espe­ri­mento demo­cra­tico di con­vi­venza oltre i con­fini e le reli­gioni, è sotto asse­dio e nep­pure Demi­tas, lea­der del par­tito Hdp, sep­pure nella mag­gio­ranza di governo, rie­sce a rag­giun­gere la città di Cizre.

http://ilmanifesto.info/