Il regista: bisogna ridere di tutto

Dal 26 novembre la commedia di Van Dormael con Benoit Poelvoorde

Roma (askanews) – Parla di religione, è ambientato nella capitale belga, ma non ha niente a che fare con la caccia ai terroristi delle stragi di Parigi: “Dio esiste e vive a Bruxelles”, l’ultimo film di Jaco Van Dormael, è una commedia che si prende beffa della religione, che mostra un Dio in vestaglia e pantofole, crudele e sadico, che si diverte a far soffrire gli uomini, manovrando tutto dalla sua tristissima casa in Belgio. E’ una commedia nera e dissacrante interpretata da Benoit Poelvoorde, nei cinema italiani dal 26 novembre.

Il regista ha spiegato: “Penso che quello che sta succedendo in questi giorni non ha niente a che fare con la religione: si tratta di conflitti tra forze che utilizzano la religione per creare paura. Ho cominciato a scrivere il film quando a Parigi c’erano le manifestazioni contro i matrimoni gay, lo stavo montando quando c’è stata la strage a Charlie Hebdo, è ho pensato che bisognava assolutamente continuare ad avere utopie e a credere che si può ridere di tutto, con tutti”.

Nel film la figlia di Dio, Ea, di 11 anni, per fare un dispetto al padre comunica a tutti gli uomini la data della loro morte, e, ovviamente, ognuno di loro cambia rotta e priorità. Il regista, che non è credente, ma ha letto molto attentamente la Bibbia, ha detto:

“In quel testo ci sono dei bei personaggi, delle belle scene, dei bei pensieri, ma è troppo concentrato sull’obbedienza, sul fatto che la gioia non è qui e ora ma ne godremo domani, sul fatto che bisogna sottomettersi, espiare, che un giorno avremo una risposta a tutto. Io credo nel dubbio, credo che non ci siano risposte ai nostri dubbi ma che le domande siano comunque molto belle, creddo che il fatto di vivere su questa terra non sia male… Quindi cerco di fare film che non diano risposte, ma offrano una percezione di quello che sta succedendo intorno a noi”.

http://www.askanews.it/