Tag Archive: Firenze


HEREROS

MOSTRA “HEREROS”, I SEGRETI DELL’ANCESTRALE POPOLO AFRICANO SVELATI DALLE FOTO DI SERGIO GUERRA

Sessanta immagini fotografiche sul gruppo etnico più antico dell’Africa dal 4 luglio al 28 settembre a Palazzo Medici Riccardi

mostra hereros

Fautore della più completa raccolta di immagini sulla cultura angolana, il rinomato fotografo e pubblicitario Sérgio Guerraespone a Firenze gli aspetti peculiari degli Herero, il gruppo etnico più antico dell’Africa. La mostra “Hereros“, in programma dal 4 luglio al 28 settembre 2014 nella Galleria delle Carrozze di Palazzo Medici Riccardi, è composta da oltre 60 foto di grande formato corredate da una scenografia ricca di costumi, ornamenti, oggetti di uso tradizionale e rituale di questa etnia, offrendo un variegato e colorato collage sul loro stile di vita e sulle loro usanze. In questa occasione vengono anche presentate testimonianze filmate di uomini, donne e giovani Herero che immergono lo spettatore nell’universo di questo gruppo etnico di pastori seminomadi, un esempio di forza e di impegno nel voler salvare un’economia e una cultura ancestrale minacciata dal rapido processo di modernizzazione e occidentalizzazione dei paesi del Continente Nero, e nel voler rimediare alla devastazione causata dalla guerra civile che ha colpito il paese per decenni. Attraverso un’ampia iconografia, oggetti tipici, documenti multimediali riguardanti le tradizioni e i rituali degli Herero, la mostra contribuisce alla conoscenza di un mondo che non esiste più.

Nell’ambito del rapporto di amicizia e collaborazione culturale che da alcuni anni lega le Province di Firenze e Valencia, la Deputacio de Valencia propone questa interessante mostra fotografica con un percorso artistico che rappresenta un impegno sociale, un gesto di denuncia per portare all’attenzione dell’opinione pubblica la tragica storia di questo antico popolo africano.

INAUGURAZIONE GIOVEDì 4 LUGLIO ORE 17,30

GLI HERERO appartengono al gruppo etnico Bantu che si dedica alla pastorizia seminomade in una zona dell’Africa fra la Namibia, l’Angola e il Botsuana. Giunsero nel XV secolo nella regione che attualmente occupa l’Angola e si stabilirono nelle province di Cunene e Namibe a sud-ovest del Paese. La loro vita culturale gira soprattutto attorno all’allevamento del bestiame. In Angola, durante tutta la prima metà del ventesimo secolo, gli Herero furono perseguitati dalle autorità coloniali, In Namibia subirono la schiavitù e si opposero alla dominazione germanica, divenendo vittime di uno dei più grandi genocidi della storia. Nel 1904 il generale Lothar von Trotha emise un “ordine di sterminio”, a causa del quale venne soppresso circa l’80% della popolazione Herero. 

Per conoscere un po’ meglio il modo di vita dell’etnia, Guerra visse un periodo di tempo all’interno della comunità, osservando le loro pratiche quotidiane. Un popolo sopravvissuto alla persecuzione e all’esilio che ha avuto la forza di recuperare le sue tradizioni ancestrali.

L’AUTORE

Fotografo, pubblicitario e produttore culturale, Sérgio Guerra è nato a Recife, ha vissuto a San Paolo e a Rio de Janeiro fino agli anni 80 quando si è stabilito a Bahia. Dal 1998 ha vissuto fra Salvador, Rio de Janeiro e Luanda, dove porta avanti un programma di comunicazione per il Governo dell’Angola. Nei suoi frequenti viaggi per tutto il paese, è stato testimone di momenti cruciali della lotta per la pace e per la ricostruzione, consentendogli di raccogliere uno dei fondi fotografici più importati sulle 18 province angolane. 

Mostra a ingresso libero, tutti i giorni, dalle 9 alle 19, escluso il mercoledì.

 www.provincia.fi.it

 

 
 

Milano, Firenze, Roma e Torino. Torna “Ferite a morte”

    • 20 febbraio, 2013

“Tutti i monologhi di ‘Ferite a morte’ ci parlano dei delitti annunciati, degli omicidi di donne da parte degli uomini che avrebbero dovuto amarle e proteggerle. Non a caso i colpevoli sono spesso mariti, fidanzati o ex, una strage familiare che, con un’impressionante cadenza, continua tristemente a riempire le pagine della nostra cronaca quotidiana”. Così Serena Dandini, alla vigilia delle quattro nuove tappe di “Ferite a morte”, la Spoon river che dà voce alle vittime di un marito, di un fidanzato, di un ex.

A fine 2012 siamo stati a Palermo, Bologna e Genova. Tantissima l’emozione sia per chi era sul palco, sia per il pubblico in teatro. E tantissime sono state anche le richieste arrivate in questi mesi per proseguire in questo progetto così particolare. Ecco, allora, le nuove date per i prossimi mesi.

Milano, 7 marzo 2013 | Teatro Carcano

Firenze, 5 aprile 2013 | Teatro La Pergola

Roma, 8 aprile 2013 | Auditorium Parco della Musica

                                                              Torino, 12 aprile 2013 | Teatro Regio

“Dietro le persiane chiuse delle case italiane – continua l’autrice (ai testi ha collaborato Maura Misiti) – si nasconde una sofferenza silenziosa e l’omicidio è solo la punta di un iceberg di un percorso di soprusi e dolore che risponde al nome di violenza domestica. Per questo pensiamo che non bisogna smettere di parlarne e  cercare, anche attraverso il teatro, di sensibilizzare il più possibile l’opinione pubblica”.

A giorni pubblicheremo il cast delle lettrici per le prime tappe: sono tante le attrici e le donne della società civile che vogliono partecipare a questa avventura.

L’ingresso agli spettacoli sarà a pagamento nelle tappe di Milano, Firenze, Roma e l’incasso sarà devoluto a una o più realtà locali che si occupano di violenza sulle donne. Per l’accesso allo spettacolo di Torino, invece, sarà necessario ritirare un invito gratuito messo a disposizione dalla programmazione di Biennale Democrazia.

I biglietti di Milano sono in vendita da giovedì 21 febbraio on line (accesso dal sito http://www.feriteamorte.it) e alla casa del Teatro Carcano (Corso di Porta Romana 63) dal lunedì al venerdì, dalle ore 10 alle ore 18.30.

“Ferite a morte” gode della collaborazione del Comune di Milano, del patrocinio del Comune di Firenze, del Comune di Torino. Inoltre, ha il sostegno di partner che condividono i principi dell’iniziativa e che già hanno attuato buone pratiche in materia. Sono: Fondazione per la scuola. Compagnia San Paolo, Ente Cassa di Risparmio di Firenze, Publiacqua, Legacoop Piemonte, Coop Lombardia, Assessorato alle pari opportunità del Comune di Firenze, Fondazione Cultura Torino onlus, Assessorato alle politiche sociali e alla cultura della salute e Assessorato alla cultura del Comune di Milano, Unicoop Firenze e Legacoop Toscana, Boxol.  

http://www.feriteamorte.it/milano-firenze-roma-e-torino-torna-ferite-a-morte/

Terra Santa Libera

Il folle progetto sionista si realizzerá con la pulizia etnica locale e la ricostruzione del tempio sul Monte Moriah

noisuXeroi

loading a new life ... please wait .. loading...

#OgniBambinaSonoIo

dalla parte delle bambine

unaeccezione

... avessi più tempo sbaglierei con più calma.

esorcista di farfalle

Se i tempi non chiedono la tua parte migliore inventa altri tempi. (Baolian, libro II, vv. 16-17)

lafilosofiAmaschiA

filosofia d'altro genere per la scuola

S P A C E P R E S S. I N F O

Il Blog libero da condizionamenti politici. Visitatori oltre: 351.000

donnemigranti

"dall’Africa ‘o Mediterraneo st’anema nun se ferma maje.."

non lo faccio più

un luogo dove raccontare di violenza, di relazioni, di paure e d'amore.

I tacchi a spillo

quello che sogno

femminile plurale

"Le persone istupidiscono all'ingrosso, e rinsaviscono al dettaglio" (W. Szymborska)

Al di là del Buco

Verso la fine della guerra fredda (e pure calda) tra i sessi

Michele (Caliban)

Perfidissimo Me

Abner Rossi Blog Ufficiale

Teatro, Poesia, Spettacoli

ACCENDI LA VITA

Pensieri, parole and every day life

uova di gatto

di libri, gatti e altre storie

BLOG.ANDREA LIBERATI

"compongo e rappresento storie" | INFORMAZIONI E POST

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: